vita da mamma

Vita da mamma: Virginia

Virginia, nota come Virgola; o meglio Virgola è il personaggio che lei ha creato e che le ha portato fortuna. Siciliana ma fiorentina d’adozione, creativa, un’ottima illustratrice e mamma da 16 mesi del piccolo Niccolò. La maternità l’ha molto cambiata, l’ha resa forte, consapevole delle sue possibilità e della sua forza come donna, e non si vergogna di portare avanti le sue idee e di schierarsi per esporre il suo pensiero.
Se non la conoscete già, adesso ve la presento.
Mi chiamo Virginia Di Giorgio, ho 31 anni, sono messinese ma vivo a Firenze da 12 anni. Lavoro come freelance, sono un’illustratrice nel mondo della comunicazione social. Ho un personaggio da 4 anni che si chiama Virgola, che mi ha fatto pubblicare il mio primo libro e disegnare una linea di gioielli.
Da poco ho iniziato anche a mostrare chi c’è dietro il mio personaggio in un canale YouTube.
IMG_0534
1. Quando sei diventata mamma? L’hai sempre desiderato, o è stato un fulmine a ciel sereno?
Sono diventata mamma a 30 anni. È buffo perché ho sempre desiderato un bimbo a quest’età ma è arrivato per caso. Non posso dire “non voluto”, preferisco dire “non cercato”.
2. La tua prima reazione quando hai saputo di essere incinta.
Panico! L’ho detto al mio compagno in lacrime e in lacrime ho trascorso i primi tre mesi. Paura di perdere la mia indipendenza, il mio lavoro che tanto ho faticato ad avere, che mi sono costruita… Nella città in cui vivo non ho parenti, anche il mio compagno non ha aiuti e facciamo per 10! Avevo paura ma non ho mai pensato di non volerlo. Lui ormai era lì e dovevo solo capire come farlo stare nel migliore dei modi.

3. Hai vissuto una gravidanza serena? 3 parole che descrivono i tuoi 9 mesi di attesa.
Ho lavorato fino all’ultimo giorno ma da quando ho iniziato a sentirlo è cambiato tutto. Le tre parole sono autosufficiente (ho sempre fatto tutto da sola), stacanovista (ho lavorato fin troppo specialmente gli ultimi due mesi), e l’ultima… non la so riassumere in una sola parola, ma ho scoperto il mio corpo e riconosciuto tanti segnali. Mi sono scoperta e la cosa mi ha molto aiutato anche dopo.

Processed with VSCO with a5 preset
4.Se ne hai voglia, raccontami brevemente il tuo parto.
Ho scelto il parto naturale al Centro Nascita La Margherita di Careggi, a Firenze. Figlia di medico, un po’ mi sentivo incosciente, invece ho trovato ostetriche che chiamerò sempre Madre Natura. È stato un parto mooolto lungo e faticoso. Non ho mai avuto contrazioni regolari, non avevo forze (tanto che perdevo i sensi, vomitavo..), non trovavo la posizione! Pensa che dalle prime contrazioni al parto sono trascorse 23 ore, pensavo sarebbe stato più facile!! E infatti poi il bimbo stava per andare in sofferenza perché non riuscivo a spingere in modo efficace e mi hanno portato a Careggi. Una fiala di ossitocina, 4 secondi ed è nato! 🙂 Ma lo rifarei subito e lo rifarei alla Margherita.

5. I tuoi primi giorni da mamma, è andato tutto come ti aspettavi? Le tue prime sensazioni.
No, è stato meglio. Dal secondo in cui me l’hanno messo sulla pelle mi è cambiato tutto. Non avevo mai visto in vita mia niente di più bello, era pazzesco. Mi sono sentita subito una cretina per tutti i miei dubbi. Penso di averlo guardato ininterrottamente per tre giorni.

6. La tua esperienza con l’allattamento

Innanzitutto, piccola premessa spero non fuori luogo, appena mi è arrivato il latte (verso il terzo/quarto giorno) mi sono sentita una miracolata ed ero felice da morire. Questo per la disinformazione che c’è! Vorrei mettere cartelli ovunque e dire a tutte le mamme come me “Guarda che il latte c’è, non aver paura. Chi ti mette dubbi strani in testa non sa e non conosce”.
Ma vabbè! Niccolò è nato con l’ittero (come i suoi genitori), dormiva tantissimo ed era “molle”, il giorno “del latte” non riusciva a mangiare e lo dovevo stimolare in un modo molto meccanico. Volevo piangere. Ma poi lo abbiamo messo vicino a una finestra, al sole… Lui è rinato grazie a quella preziosa energia e… Adesso ha 16 mesi e allatto ancora! L’allattamento è l’esperienza più bella che ho provato come donna.

 

7. Com’è cambiata la tua vita da quando sei mamma? Riesci a ritagliarti del tempo solo per te?
Tempo no, assolutamente. Nicco ha una sua babysitter che mi consente di lavorare… Fino ai sei mesi lavoravo bene, ma dopo è risultato impossibile! Diciamo che fino al nido no, ho fatto solo la mamma, aspettando il mio compagno la sera per fare una doccia o stendere i panni.
IMG_2138
8. Come concili la vita lavorativa e la vita da mamma? 
Come ti dicevo, mi faccio aiutare dal nido e da una donna speciale di nome Irene, che mio figlio adora!

9. 3 aggettivi che ti descrivono come mamma, che tipo di mamma sei?
Sorridente, innamorata, non-apprensiva (non è un aggettivo ma è una mia caratteristica)

10. L’accudimento del tuo/tuoi bambino/i è compito tuo, o riesci a collaborare con il tuo compagno? Come vi dividete le cose da fare?
L’accudimento è compito mio perché lui lavora tutto il giorno fuori, torna a casa dopo le 21. Ma la domenica lui lo porta molte ore fuori al parco e giocano tanto, gli insegna a giocare a palla, lo veste la mattina. Fa quel che può! A volte la notte, non so come, riesce anche a farlo addormentare!
 
11. 5 consigli per una neo mamma!
Leggi e informati sempre!! A una neomamma, così come a un neonato, non serve niente. Tutto quello che vedi in giro è un meraviglioso business. La natura ci ha reso perfette ed autosufficienti, non dubitarne mai. E soprattutto tappati le orecchie, fidati del tuo istinto. La gente dice troppe cose non vere, è pronta a criticarti in tutto sempre. Ascolta tutti ma fidati solo di te stessa!

Le tue risposte mi sono piaciute molto, penso che tu abbia elaborato bene il vissuto del tuo parto e che tu ci abbia trovato un’esperienza positiva, anche nelle cose che non sono andate secondo i tuoi piani. Perchè da quando si ha un figlio, difficilmente si riesce a far andare tutto su dei binari prestabiliti e Niccolò te l’ha voluto far capire subito.
Fatti stravolgere la vita dal tuo biondino e vedrai che non avrai nessun rimpianto ma solo gioia!

La tua esperienza con l’allattamento è da esempio per altre  donne e mamme, per chi magari si è trovata in difficoltà, spesso condividere le esperienze come la tua può solo generare positività.

Grazie Virginia!

IMG_2834
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...